Software per scrittori: quali programmi usare?

Oggi voglio parlare di un argomento che sicuramente interesserà molti di voi: software per scrivere, programmi che vi permettano di comporre le vostre opere al computer.

Se molti scrittori amano la sensazione dell’inchiostro sulla pagina, sempre più persone sembrano scegliere di scrivere le loro opere al computer. Questione di praticità,velocità, comodità… i motivi possono essere tanti.
La maggior parte di voi conoscerà già i prodotti della Microsoft: lo spartano Blocco Note ed il semplice Wordpad vengono inseriti in ogni computer che utilizzi Windows, ed in aggiunta milioni di persone nel mondo utilizzano i prodotti a pagamento della famiglia Microsoft Office –  in particolare Word – per scrivere.
Quello che molti non sanno è che esistono molti altri  programmi di scrittura, spesso totalmente gratis, che possono diventare delle valide alternative (anche gratuite) a Microsoft Office!
L’elenco qui di seguito non è esaustivo, e continuerò a postare sul blog ogni qualvolta scoprirò qualcosa di interessante. Ma per il momento, ecco ben 8 software gratuiti da provare!

1. Open Office 

La mia preferita è ovviamente la suite di Open Office , che può sostituire quella di Microsoft anche per programmi come Excel e Powerpoint. Open Office è disponibile in italiano e il Writer non ha nulla da invidiare a Word, anzi permetteva la creazione di PDF molto prima del concorrente Microsoft – e sì, legge e salva anche i vostri documenti in .doc .

2. Jarte 

Se assolutamente non volete distrazioni,  beh, anche qui c’è l’imbarazzo della scelta, ma un possibile candidato può essere Jarte. Leggero, pratico, senza tanti fronzoli, il programma è in inglese, ma è molto facile da usare e legge anche file .doc e .rtf . Questo software può essere utile anche se avete un computer vecchiotto che potrebbe non sopportare il peso dei vari Office.

3. Abiword

abiwordSimile a Jarte e Microsoft Word è anche Abiword, disponibile soprattutto per ambiente Mac (la versione Windows non viene più aggiornata, anche se è ancora possibile scaricarla). Il software è quasi totalmente tradotto in italiano, il che lo rende ideale per chi non sa proprio dove mettere le mani con l’inglese.

4. Q10

q10Per Windows, è interessante anche il software Q10.
Nonostante sia un po’ datato e non venga più aggiornato, questo editor a schermo intero (in inglese) ha alcune funzioni interessanti, come la possibilità in installare una versione portable sulla vostra chiavetta, per essere sicuri di poter scrivere ovunque. Altra funzione interessante per gli scrittori è il timer, con il quale potete impostare una sessione di scrittura e controllare quante parole avete partorito nel mentre.

5. Writemonkey

Se sentite il bisogno di tagliare fuori tutti i colori di Windows, il chiasso virtuale delle icone, l’accozzaglia delle funzioni e scrivere e basta? Anche in questo caso c’è qualcosa per voi. Writemonkey, disponibile in versione gratuita ed in una a pagamento con più funzioni, appartiene alla famiglia “zenware”, ovvero “programmi che funzionano con il minimo di interazioni superflue da parte dell’utente”. Il software ha anche delle funzioni particolari ed utili, come il timer o la possibilità di importare il suono di una macchina da scrivere sui vostri tasti. C’è anche una localizzazione italiana, pur se non aggiornata.

6.  JDarkroom

jdarkroomSimile a Writemonkey, un altro software concentrato sulla scrittura senza fronzoli, basato sul linguaggio di programmazione Java.  Il software non viene aggiornato dal 2010, il che potrebbe creare problemi con i sistemi operativi più nuovi, ma può essere l’ideale per un vecchio PC.  Interfaccia nera e via, solo voi e le vostre parole.

7. Zoho Writer

Che succede invece se usate più di un computer per lavorare? Invece di spostare file qui e là, è più utile lavorare “in the Cloud”, ovvero online. Ormai quasi tutti i computer hanno un accesso a Internet, e questa è anche la soluzione ideale per chi lavora con computer pubblici o semipubblici, ad esempio in università. Se tutti conosocono Google Documents , non molti invece hanno sentito parlare di Zoho Writer, ideale alternativa a coloro che non amano Google Docs. Entrambi richiedono un’iscrizione gratuita, ma sono dei software di scrittura professionali molto vicini nell’interfaccia a Microsoft Word. Inoltre, sono la soluzione ideale se state lavorando ad una storia a più mani, perché potete anche condividere il documento con altri utenti!

8. Evernote

Molti dicono che Evernote ha cambiato la loro vita e il loro modo di lavorare, e francamente capisco perché. Se avete il vizio di appuntarvi frasi e altri scritti che vi sembrano interessanti, e se su Internet salvate fotografie ed articoli che vi ispirano, Evernote fa per voi. Potete creare dei taccuini con vari titoli, ed inserire in ogni taccuino varie note, che possono includere anche immagini e link al loro interno. Ma il vantaggio più grosso di Evernote è la sua totale compatibilità crossplatform, ovvero tra sistemi operativi diversi. Potete installarlo sul vostro computer casalingo, ma poi usarlo anche online da un computer pubblico, o da qualsiasi cellulare connesso a internet su cui avrete installato l’app. Ideale per non perdere nessun momento di ispirazione!

 

Allora, che ne dite di questa lista? Può esservi utile? Usate alcuni di questi programmi?

Personalmente, in questa lista io utilizzo Open Office,  Writemonkey ed Evernote. Open Office è dove scrivo la maggior parte delle mie cose, perché da OpenOffice è poi più facile esportarle a programmi di creazione epub come Scrivener.
Writemonkey lo uso per le poesie, quando voglio qualcosa di più “fancy” del blocco note: salva in .txt che è il formato che di solito uso, e mi aiuta a concentrarmi meglio – in più i colori mi rilassano! Evernote lo uso invece più per cose tecniche, come materiale universitario o report di concerti… utile perché posso lavorare ai file dal computer dell’università o dal tablet, senza dovermi portare dietro il mio mastodontico PC.
Se avete dei suggerimenti, lasciate pure un commento!

( se siete alla ricerca di altri software più specifici per la scrittura creativa, andate al post “” – se avete letto questo articolo sul vecchio dominio, ladycaos.eu, potete trovarvi anche il resto dei software che erano originariamente menzionati qui) 

 

Share

6 comments

    1. Premetto che non me ne intendo di tablet perché non ne possiedo uno: per iPad, qui puoi trovare dei link interessanti: http://www.makeuseof.com/tag/7-apps-ipad-writing-projects/. Conosco solo Evernote per la sua controparte da PC e francamente non mi sembra proprio adattissimo per scrivere… la più carina sembra Private Journal, insieme a Clockwork Notebook. Altri link li trovi qui: http://www.copyblogger.com/ipad-writing-apps/ . In questo elenco sono interessanti Chapters per buttare giù idee e Clean Writer per scrivere senza distrazioni. Molte sono a pagamento, anche se i prezzi in effetti sono molto contenuti. Per Android, oltre al solito Evernote esistono My Writing Spot, Diaro e Orange Diary: qui trovi i link http://journalismdegree.org/2011/40-awesome-android-apps-for-writers/.
      Mi dispiace non essere più utile, ma come ho già detto non possiedo un tablet quindi non ho potuto testare nessuna applicazione di questo tipo ^_^’

    1. Ciao Netalex, guardando il sito di Storybook hai ragione per quanto riguarda l’esportare e lo stampare. Non so cosa intendi precisamente per “salvare”, il programma ti fa salvare i tuoi file che puoi consultare sempre in Storybook. Tutto questo per quanto riguarda l’ultima versione, la 4.0.5: io ho una versione molto più vecchia, la 2.1.13 (su Windows), e per ora riesco ancora a salvare i file in PDF HTML e quant’altro ;).

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *